Ciao a tutti,
non mi sono mai presentata ma vi leggo in incognita da due anni e passa ormai.

La tragedia, se vogliamo chiamarla cosi, non l'ho vissuta io sulla mia pelle, ma mia mamma.

È stata una fase delicata, ogni tanto sorrido quasi al ricordo del dolore che è stato dentro di me, in tutto l'amore che come figlia provo per mia madre. Forse parlo perché non è successo a me stessa, ma il dolore l'ho coltivato, perché come la felicità è un sentimento che cresce assieme a noi e bisogna lasciarlo bruciare finché non si estingue da solo.

Per me è stata una svolta. Per la prima volta mi son trovata come persona adulta a dovermi confrontare con mia mamma, a suo tempo completamente inerte per lo shock e la paura, parzialmente dovuti anche all'ignoranza che circonda questa malattia.
Il vostro sito, le vostre e-mail e le vostre ricerche mi hanno dato molto coraggio. Non potrò mai smettere di ringraziare la vostra esistenza in quanto gruppo di auto-aiuto.

Per trovare la forza con la quale gestire mia mamma, le sue crisi e paranoie, la sua mancanza di sonno e i suoi pianti improvvisi.
Per trovare la forza di combattere contro alcuni medici poco corretti, che forse per ignoranza ma soprattutto per poca onestà, prescrivono medicine che fanno più danno che altro.

Per dire a mio padre di tenere duro, che le cose si sarebbero sistemate.
Per convincere mia mamma a rasarsi la testa quando in testa non c'era più nulla e a prendere la (fantastica) parrucca di Jo.
Per cercare un po' di leggerezza, regalandole ciglia finte quando son cadute pure quelle.
Ora le cose vanno meglio, non sul fronte della malattia, quella è sempre li, ma per il fatto che mia mamma sta meglio lei come persona, e in un abbraccio sento il calore di una volta.

Grazie a tutti von le vostre storie, ognuna diversa, ma legate tutte dalla malattia, perché mi avete insegnato a non aver paura di voler bene, a combattere per un sorriso, ad essere leggera e allegra quando non c'è ragione per essere tristi.
La mia lettera è per tutte voi, perché con o senza capelli qualcuno al mondo vi ama tantissimo per quello che siete, quindi tenete duro, per voi e per loro.
Ciao a tutti!

Simona