“Ciao, sono Eva!

Ho 17 anni e ho avuto l’alopecia quando stavo finendo la quinta elementare, quindi, quando avevo 10 anni e mezzo. La prima chiazza, che era piccolissima, è spuntata verso inizio maggio del 2009 e mia mamma mi ha portato dal dermatologo per sapere di cosa si trattasse. Il dermatologo disse che secondo lui era alopecia areata e mi diede una lozione da mettere sulla chiazza. Col passare del tempo, al posto di migliorare, la chiazza si apriva sempre di più e iniziarono a spuntarne delle altre. A questo punto, sia io che la mia famiglia, eravamo spaventati perché non capivamo cosa stesse succedendo e soprattutto perché! Mia mamma mi portò allora da un altro dermatologo che non era per niente competente e men che meno comprensivo, infatti, mi disse che era colpa mia se mi cadevano i capelli e che dovevo farmeli ricrescere al più presto. Dopo quella visita mi sono sentita malissimo e ho pianto come un fiume in piena.

Intanto era iniziata la prima media e i capelli cadevano a ciocche e, in men che non si dica, nel giro di 3 mesi, li persi tutti comprese ciglia, sopracciglia e tutti i peli del corpo. Ci è voluto molto tempo per accettare la mia nuova me ma, per fortuna, ho trovato degli amici con la A maiuscola e dei prof estremamente comprensivi che mi hanno sempre aiutata e difesa da chi mi prendeva in giro. Adesso sono in quarta superiore e sto vivendo la mia vita al meglio. L’anno scorso sono andata in stage in Inghilterra e quest’anno andrò in Spagna e devo dire che l’alopecia non ha intaccato per niente la mia felicità di questa nuova, fantastica esperienza. A volte mi è capitato di non volere fare una determinata cosa per il problema che mi affligge, lo so, non è facile conviverci, ma me ne devo fare una ragione e, soprattutto,  non deve condizionare la mia vita. Se voglio fare qualcosa la faccio e basta!.”

Eva, 17 anni, AU