Il Progetto Famiglie e Minori nasce con l’intento di rispondere ad un bisogno specifico: dare sostegno alle famiglie con bambini e bambine che vivono l’esperienza dell'Alopecia Areata, nelle sue diverse forme.

L’alopecia può essere considerata come uno di quegli eventi critici che mettono alla prova tutto il sistema familiare, necessitando di nuovi equilibri. È un evento, generalmente improvviso, che sconvolge la routine, portando con sé preoccupazione, dolore, senso di colpa. Le reazioni, tuttavia, possono essere molto differenti a seconda dell’età di insorgenza della patologia (dalla nascita, nella prima infanzia, in adolescenza) della fase del ciclo di vita familiare, delle modalità con cui si manifesta (improvvisa, graduale) , delle forme che può assumere (areata, totale, universale).

Quali sono i suoi obiettivi?

Le sue parole chiave sono accoglienza, ascolto, confronto e valorizzazione delle risorse.

Come e dove?

Per raggiungere questi obiettivi ci incontriamo virtualmente sui social, ritagliandoci dei momenti di incontro diretto, promuovendo progetti mirati, che tengano conto delle differenti fasi evolutive dei bambini e ragazzi colpiti dalla patologia, sensibilizzando i contesti educativi nei quali sono inseriti.

All’interno del gruppo chiuso Facebook, le famiglie possono scambiarsi consigli, trovare risposte concrete ai propri dubbi o, semplicemente, ricevere solidarietà da parte di chi condivide lo stesso vissuto.
Per partecipare al gruppo chiuso presente su Facebook, segui queste semplici operazioni:

  1. cerca il gruppo chiuso Facebook “Alopecia Italia Famiglie”;
  2. clicca “Iscriviti”.
  3. nel giro di poche ore la tua richiesta verrà accolta e sarai accolto dalla responsabile del progetto Famiglie e Minori e potrai confrontarti con altre famiglie.

Per avere informazioni puoi contattare la dott.ssa Alessandra Sbarra, referente del progetto Famiglie e Minori e vice presidente di ASAA ONLUS, scrivendo all'email v.presidenza@sosalopeciaareata.org.

Affinché la conoscenza non resti qualcosa di virtuale, vengono proposti incontri durante i quali, a momenti specifici di sostegno, sono affiancati momenti di pura convivialità, pranzi o cene aperte a tutte le persone sofferenti di questa patologia, così come a  parenti ed amici.
Si tratta di giornate in cui genitori e bambini si confrontano con psicoterapeuti, formati ad hoc, per raccontare il proprio vissuto e attivare risorse, al fine di affrontare le criticità emerse. Vengono proposti laboratori creativi che consentano ai bambini di esprimere le proprie emozioni, anche quelle spiacevoli, in un clima di accettazione, esaltazione e valorizzazione delle differenze. 

Infine, ci occupiamo di sensibilizzare le agenzie di socializzazione, in primis la scuola, per dare a tutti gli strumenti per relazionarsi in modo positivo con quella che, a tutti gli effetti, non è una patologia invalidante né un handicap. Interveniamo personalmente laddove siano presenti particolari difficoltà di inserimento scolastico, offrendo sostegno e facendo informazione.

 

Pina La Volpine

Pina La Volpina - Mascotte del progetto F&M Famiglie e Minori
ideata e illustrata da Walter Petretto - www.uolterprojects.com